Il dialogo nella città di Noale

Politiche ambientali

Su suggerimento di Nicla, apriamo una pagina dedicata al fondamentale (per noi, per le generazioni che verranno) tema dell’ambiente e della gestione dei rifiuti. Qui segnaleremo prossimamente le idee che emergono dal dibattito su questo scottante tema (si pensi a Napoli, ove il meccanismo si è inceppato; si pensi ai Comuni del Veneto che fanno a gara per avere la più alta percentuale di raccolta differenziata, ma ancora deve nascere un’autentica cultura del “riutilizzo”, vera frontiera del futuro, visto che le ‘scoasse’ saranno l’oro nero del domani, ma ci si deve sempre domandare con quale impatto e sostenibilità ambientale).

La conferenza organizzata su questo tema dall’attuale Amministrazione -il 20 settembre- è stata piuttosto partecipata e ha fatto emergere delle criticità da parte dei cittadini (in tutto 15 famiglie, più le imprese) della zona industriale che a Noale hanno visto attuata la raccolta ‘porta a porta’ in una fase sperimentale da 8 mesi a questa parte. Ciò fa pensare che è importante, nelle future fasi sperimentali, seguire i cittadini e racconglierne le impressioni, per far sì che i nuovi sistemi trovino accoglienza e attenzione, in prima persona, di chi farà il grosso del lavoro: il/la  cittadino/a stesso/a.

Bisogna assolutamente dire, però, che vi sono Comuni, come Trebaseleghe e Salzano, che addirittura da ben più di un decennio hanno attuato la c.d. raccolta porta a porta “spinta”, vale a dire senza affatto alcun cassone o campana comune. Ebbene, questo sistema apparentemente scomodo all’inizio (bisogna ricordarsi di mettere fuori della porta di casa ciascuna tipologia di rifiuti ad un determinato giorno della settimana, pena la sanzione se si sbaglia conferimento e pena l’obbligo di tenersi i rifiuti fino al prossimo passaggio) con la forza dell’abitudine -buone ultime, di necessità, hanno imparato anche le persone più anziane- si è arrivati a percentuali di differenziata addirittura del 75, dico 75%!!!

I sistemi di raccolta che si propongono all’orizzonte sono essenzialmente 3, ‘porta a porta’, ‘porta a porta spinto(con pesatura e conteggio dei conferimenti)’, e cosiddetto sistema ‘a calotta’, con una chiave crittografata elettronicamente che viene assegnata a ciascuna famiglia.
Anche su questo argomento, il Circolo Democratico Noalese non mancherà di far sentire la sua voce e il suo peso, nel frattempo abbiamo chiesto al Sindaco di mettere, quanto prima, sul sito del Comune anche la relazione del delegato di Veritas, che è molto chiara nel prefigurare questi sistemi di raccolta dei rifiuti. P.S.: A tal proposito, notiamo con piacere che il sito del Comune di Noale è stato un poco rivisitato per una maggiore fruibilità:

http://www.comune.noale.ve.it/hh/index.php

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: